active

Ricerca d’informazioni bibliografiche

Consigliamo di utilizzare uno strumento di gestione bibliografica per effettuare le tre tappe finali. Questo strumento permette di recuperare facilmente e nello stesso posto i documenti e le sue referenze bibliografiche. Questo strumento potrà anche servirvi per salvare varie informazioni nello stesso posto: appunti che avete preso sulle letture, i vostri riassunti, ecc.

Verificare che le informazioni raccolte sono corrette e complete

Se avete preso le informazioni bibliografiche del documento da una banca dati professionale, questi dati dovrebbero essere corretti e completi. Ma per altre fonti potrebbe non essere il caso. Verificate quindi sistematicamente di avere sempre tutte le informazioni seguenti: nome e cognome degli autori, anno di pubblicazione, titolo, luogo d’edizione ed editore, numero di pagine, titolo della rivista o dell’opera collettiva, ecc. Quest’attività può essere fastidiosa ma è molto più complicato farla in un secondo momento. Salvate anche la frase di ricerca che vi ha permesso di trovare il documento (Henkel, 2012).

Aggiungere delle note personali a queste nuove risorse

Aggiungete anche tutte le informazioni più personali che volete associare a questo documento e tutte quelle che vi permettono di ricordarvi cosa è importante per voi nel documento e perché:

  • Può trattarsi di parole chiave, di alcune pagine che sviluppano un’idea interessante, di citazioni, altre risorse legate a questa, ecc.
  • Se si tratta di un passaggio di un testo o di una citazione, potrete anche copiarlo nello strumento d’immagazzinamento
    • Per esempio Zotero permette di associare appunti personali ai documenti salvati.
  • Potrete anche creare un documento “reader’s digest” sul vostro tema, in cui raccoglierete tutte le citazioni che ritenete importanti.
Immagazzinare queste informazioni e i documenti associati (se numerici) in uno spazio nel quale potrete accedervi facilmente in seguito

E quindi arrivato il momento di salvare tutte queste informazioni affinché siano accessibili in un secondo momento. Gli strumenti di gestione bibliografica sono fatti per questo e permettono anche, nel caso di un sito internet, di salvare l’accesso diretto al documento. Per altri formati del documento: